Bolzano - NUOVO-FABELLO

Vai ai contenuti

Menu principale:

Bolzano

I LUOGHI

Bolzano

Collocazione: a Bolzano, lungo la via Resia che conduce a Merano

Città nelle Vicinanze: Bolzano, Trento




Tra l'estate del 1944 e la fine di aprile del 1945, a Bolzano fu operativo un campo di transito (Durchgangslager) nel quale venivano raccolti i deportati prima di essere inviati nei grandi Lager del Nord, in Austria, Germania e Polonia.
Nei 9 mesi circa nei quali il campo funzionò, transitarono per le sue baracche almeno 11.000 prigionieri (la matricola più alta assegnata, a quanto è dato sapere, fu l'11.116). Ma i nomi dei deportati accertati con certezza sono ancora meno della metà. Per gran parte dei prigionieri questa fu solo una prima tappa verso i campi di annientamento. Ma per qualcuno fu una tappa fatale: diverse decine di persone furono uccise in questo campo, molte al termine di feroci torture.
Nel novembre 2000 un ex SS del campo - Michael Seifert, oggi residente in Canada - è stato condannato all'ergastolo in contumacia dal Tribunale militare di Verona per gli orrendi delitti compiuti a Bolzano.
I trasporti da Bolzano verso la Germania furono interrotti solo nel febbraio-marzo 1945, quando i bombardamenti alleati misero fuori uso la linea ferroviaria del Brennero. Il campo fu evacuato progressivamente dalla fine di aprile, e i prigionieri liberati. Prima di fuggire le SS bruciarono ogni documento, cancellando ogni traccia del Lager.

Oggi. Della struttura del campo non rimane presso che nulla: abbattuti capannoni e baracche, sulla sua area sorgono palazzi e un grande magazzino. Recentemente la Provincia di Bolzano ha posto sotto tutela quanto rimane del muro di cinta del campo. Nei pressi rimane un tratto della linea ferroviaria. Un piccolo monumento ricorda le vittime di questo dimenticato Lager nazista.



Per saperne di più:
Il sito dell'ANED


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu